Home » Il Conservatorio » Normativa » Regolamenti

Regolamenti d'Istituto

Norme per il riconoscimento dei CFA

Regolamento per il riconoscimento dei crediti formativi accademici (CFA)

  • considerata la necessità di rendere comprensibili e trasparenti le procedure per il riconoscimento e la convalida in termini di Crediti Formativi Accademici delle capacità e delle competenze acquisite dagli studenti, indipendentemente dal contesto di apprendimento;
  • considerato che i Crediti Formativi Accademici costituiscono la misura del carico di lavoro richiesto ad uno studente per raggiungere determinati obiettivi formativi e che un credito corrisponde a 25 ore di lavoro, tra ore di contatto e ore di studio individuale;

Il Consiglio Accademico, in data 9 luglio 2014 , delibera quanto segue:

Art. 1. Riconoscimento Crediti Formativi Accademici, in ingresso o in itinere

  1. Gli studenti possono richiedere il riconoscimento di CFA, sulla base del loro curriculum accademico, universitario o professionale contestualmente alla domanda di ammissione ai corsi primo e di secondo livello, di master o di specializzazione.
  2. In presenza di documentazione attestante il possesso di competenze relative al corso di studi al quale si richiede l’ammissione, allo studente potranno essere riconosciuti CFA, con corrispondente riduzione dei CFA necessari al conseguimento del diploma.
  3. Nel redigere il piano di studi individuale dello studente si terrà conto dei crediti in ingresso che gli sono stati riconosciuti nei diversi settori di attività formative, eventualmente distribuendoli nell’arco dell’intero percorso formativo.
  4. Analoga richiesta di riconoscimento di CFA può essere prodotta dagli studenti durante il percorso di studi al fine di ottenere una conseguente riduzione, totale o parziale, dei crediti formativi necessari al raggiungimento degli obiettivi formativi di singole discipline.

Art. 2 Commissione di riconoscimento dei crediti formativi accademici

  1. L’esame della documentazione relativa ai crediti di ingresso e in itinere, nonché la loro valutazione, è di competenza di una apposita Commissione composta dal Direttore e da due docenti e uno studente, componenti del Consiglio Accademico.
  2. Nella valutazione dei suddetti titoli si terrà opportunamente conto della maggiore o minore affinità e/o attinenza dei titoli acquisiti e delle attività svolte con l’indirizzo di studi prescelto, del carico di lavoro stimato, nonché del maggiore o minore livello di qualificazione artistica o scientifica dei suddetti titoli e attività.
  3. La Commissione trasmette alla Segreteria didattica le proprie deliberazioni in merito alle richieste di riconoscimento CFA in ingresso in tempo utile per l’inizio dell’anno, ed entro 45 giorni dalle richieste per quelle in itinere.
  4. Per i corsi erogati in collaborazione con altre istituzioni formative, la Commissione è composta dal Direttore, dal coordinatore del corso e da un referente della istituzione partner.

Art. 4 Ricorsi e/o integrazioni

In caso di reclamo sulle delibere di attribuzione dei CFA, gli studenti possono presentare documentate richieste di riesame alla Commissione che potrà recepirle o confermare con giudizio definitivo le decisioni già adottate, motivandole adeguatamente.

Art. 5 Crediti relativi a “Stage e altre attività formative a scelta dello studente”

Agli studenti che nell’anno accademico in corso svolgano, nell’ambito di complessi strumentali o vocali, una documentata attività di livello professionale riconducibile alla scuola di appartenenza e assimilabile agli “stage e altre attività formative a scelta dello studente” potranno essere riconosciuti fino a un massimo di 6 crediti per ciascun A.A.

In termini puramente indicativi si suggerisce uno schema per la valutazione delle attività di stage promosse dal conservatorio, cui si possa far riferimento anche per le attività esterne, formative o professionali, svolte degli studenti:

  • Per ogni giorno di stage in ambito solistico o cameristico fino ad un massimo di 1 credito formativo;
  • Per ogni giorno di stage in ambito corale o orchestrale fino ad un massimo di 1/2 crediti formativi;
  • Per ogni giorno di seminario, conferenza o laboratorio fino a un massimo di 1/3 crediti formativi;
  • Per ogni giorno di seminario o conferenza svolto come relatore fino ad un massimo di 2 crediti formativi.